Spazio d'Autore

                  "Oscare della canzone italiana"

                     Ex Premio Rino Gaetano - Omaggio a Giorgio Gaber

 

Regolamento per partecipare alle SELEZIONI: " TRA SACRO E PROFANO " ( Touch down ) PREMIO SPAZIO D'AUTORE NUOVI TALENTI

 

" ALBO D' ORO " Elenco degli artisti vincitori dell' OSCAR "L' AUTORE" Premio Rino Gaetano per la categoria giovani "PREMIO RIVELAZIONE" e Big "PREMIO ALLA CARRIERA" e "PREMI SPECIALI"
 

La galleria fotografica con molti Artisti invitati e premiati alle serate del Premio Rino Gaetano.

 

Giorgio Gaber e Rino Gaetano

due grandi Artisti

( L' Italia degli Autori da Nord a Sud )

Pur proponendosi in modi e situazioni distinte, nonchè a platee, luoghi ed ambientazioni diverse, due artisti come Giorgio Gaber (nato a Milano) e Rino Gaetano (nato a Crotone), descrittori di due realtà antagoniste e filosoficamente lontane, nord e sud, hanno comunque un filo conduttore comune ed analogie che si intrecciano nell' ironia e nella satira del quotidiano con una critica seria, pungente, ma anche clownesca.

La manifestazione partita nel 1982 / 83 con l' intenzione di fare una festa per Rino insieme ad un pò di amici è divenuta un appuntamento fisso, prima come FESTIVAL DELLA CANZONE D'AUTORE -Premio Rino Gaetano, poi divenuto qualche anno più tardi SPAZIO D'AUTORE, titolo che dà più ampiezza all' autore in quanto tale (e poi non amavamo troppo la parola "festival").

Con l' Omaggio a GIORGIO GABER, rispettiamo appunto questa caratteristica di un evento dedicato all' autore per ritrovarci ogni anno, ricercando nuovi talenti e creando un' occasione di incontro e di incentivo anche per gli Artisti già affermati.

Rino Gaetano. il suo modo graffiante e pungente di proporre fatti e misfatti del nostro tempo attraverso una scanzonatezza ironica, ha fatto di luiun innovatore, dando il via ad una nuova era di cantautori. La sua maniera di cantare, etichetta come "Nonsense" è all' origine della attuale esplosione dell' umorismo e demenziale nella canzone d' autore. Un moderno cantastorie che con le sue filastrocche ha dissacrato miti e mode con grande personalità. Come non ricordare brani popolarissimi come "Aida" e "Nunteregge più".

Rino diceva: "Non sono mica un intellettuale; gli spunti li prendo dalla realtà in cui viviamo. ironia, satira sono paroloni difficili. A me basta una battuta per punzecchiare i potenti e gli idioti..."

Giorgio Gaber ( Gaberscik ). Esploratore e conosciente della routine quotidiana in special modo di quella milanese, scopre figure urbane e tipiche degli anni 50/60. In seguito divenne un osservatore ironico ed acuto della società riuscendo a pungere con grande intelligenza e correttezza, con una gustosa ed amara satira dei costumi e delle mode, portate avanti sempre controcorrente nei suoi recitals che avevano titoli significativi come " Io, se fossi Dio "o " Libertà obbligatoria "... suo grande merito e proprio quello di aver portato la canzone d' autore nel teatro. Rientrato nel grande mercato discografico con " La mia generazione ha perso ", ricordiamo alcune sue osservazioni in un intervista a riguardo del movimento Maggio '68:

" Ho avuto la sensazione che quel movimento avesse un desiderio di rigore. I rifiuti all' inizio non erano ideologici, erano rifiuti reali, e noi li abbiamo capiti solo in parte, perchè tutto poi è andato degenerando in un fatto politico... come succede qui in Italia, la nostra tradizione fortemente ideologica, ha prevalso. "